Dopo precedenti esperienze del RC Club Brescia Manerbio, maturate negli scorsi anni, i Soci su invito del Presidente Vazzoler, hanno conosciuto la Associazione TILT di Manerbio con l’intento di  sorreggere il lodevole progetto di ausilio a cui i volontari quotidianamente  si dedicano.

La condivisione del lavoro di preparazione della serata, ad opera dei soci e delle mogli cuoche e pasticcere, nonché dei meravigliosi Soci del Rotaract Brescia-Manerbio, hanno consentito una raccolta di fondi destinati alla realtà che ci ha ospitati, come primo passo per una duratura condivisione.

Articolo_tilt

 

IL PROGETTO

Da dove nasce

Il progetto dell’Associazione TILT nasce da alcune famiglie di ragazzi con disturbi dello spettro autistico, che desiderano poter condividere con i loro figli un futuro possibile, accogliente, stimolante, coinvolgente e sostenibile.

A chi si rivolge

Il progetto si rivolge a ragazzi che hanno raggiunto il termine del percorso scolastico obbligatorio e che vorrebbero trovare nuove realtà rispondenti alle loro esigenze certamente particolari, ma tuttavia normali, per costruire il proprio futuro.

Obiettivo

L’idea chiave di questo progetto vorrebbe essere “lavori in corso”. Esprime la volontà di sperimentare percorsi validi e rispondenti alle esigenze colte strada facendo incontrando questi giovani.

 

È un progetto di vita pensato per l’oggi ma anche e soprattutto per il futuro. 

Aree di progetto

Sono state identificate 3 linee di sviluppo: il lavoro, la formazione e la ricreazione.

Il lavoro prevede inizialmente due aree di sviluppo:

  • La coltivazione di un orto: come possibilità di contatto con la terra con la semplicità dei gesti, la vitalità gratuita, i ritmi esigenti ma lenti dell’attesa della maturazione, la fatica, la cura, il raccolto, la condivisione.
  • La vendita del riso etichettato e confezionato dai ragazzi, come possibilità di contatto con la gente, con la creatività, con l’organizzazione, la conoscenza del mercato, la capacità di trovare un proprio spazio e di esprimere il proprio esserci anche attraverso un prodotto semplice che entra facilmente nelle nostre case per essere cucinato e condiviso.

La formazione deve essere una costante per la rispondere alla necessità di crescere e di migliorare, di conoscere, di superare i propri limiti e di accettarli, alla luce di un cammino che ci muove verso un obiettivo.

La ricreazione è il tempo spesso considerato secondario ma che è di importanza vitale perché consente di costruire, coltivare e arricchire relazioni importanti in spazi meno strutturati nel tempo e quindi con ritmi meno serrati e più umani.

 

 

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *